Improvvisazione

Stage finale di improvvisazione comica con spettacolo finale

 

Si tratta di un tipo di spettacolo innovativo per la città di Udine, tramite una tecnica teatrale proveniente dal Canada e sperimentata da alcune compagnie europee ed italiane, è un tipo di teatro nel quale vengono studiate le basi e le modalità per la strutturazione di uno spettacolo completamente creato in diretta nel momento stesso della rappresentazione.

Tramite alcune domande fatte al pubblico presente, verranno costruite scene recitate ideate dagli attori sulla base degli spunti dati dal pubblico, quindi l’improvvisazione è garantita!

L’improvvisazione è un approccio al teatro che si pone come fine quello di realizzare delle scene partendo da una struttura di massima sulla quale gli attori costruiscono gli scambi di battute, per lavorare a questo tipo di teatro è necessario un corso di formazione.

La tecnica dell’improvvisazione non viene proposta solo come strumento teatrale ma principalmente come gioco: infatti la serata è una vera e propria gara di improvvisazione tra due squadre per aggiudicarsi il favore del pubblico. I giocatori-attori imparano a creare scene improvvisate infatti le gare di improvvisazione nascono dall’attore e dall’unico spunto datogli: un tema (titolo) ed una categoria (alla maniera di…) e il pubblico assiste “in diretta” alla nascita dell’evento tramite l’immediata rappresentazione delle idee.

La tecnica dell’improvvisazione a teatro parte da specifici giochi-esercizi da fare nel gruppo, utili ed essenziali per risvegliare e sviluppare le capacità creative degli attori: le associazioni di idee, l’ascolto delle proprie sensazioni, il “mettersi in gioco” e la fantasia, troppo spesso assopita.

Nel corso del seminario verrà mostrato come l’improvvisazione da sola possa creare uno spettacolo. Inoltre, verrà sperimentato come le sue teorie e le sue tecniche si possano applicare a testi scritti.

Lo scopo è di ottenere un “montaggio” delle scene che risponda, nei movimenti e nelle azioni, a quelle esigenze di “verità” ed “urgenza” a volte trascurate a favore di sterili coreografie.

Quanto alla parola scritta, l’improvvisazione permette appunto di cogliere il senso drammaturgico delle battute, essenziale per lo sviluppo della scena, che solo in un secondo tempo va integrato con la memoria integrale del testo, per non iniziare le prove di uno spettacolo sacrificando da subito la resa scenica perché costretti a tenere in mano il copione.

Lascia un commento


*